Faceliker – Come “rubare” i “like” di Facebook


Informatica Taranto

Si inserisce nel browser e “ruba” i like per distribuirli dove gli pare. Si tratta di un nuovo malware che ormai si sta diffondendo a macchia d’olio.

Stiamo parlando di Faceliker, un trojan comparso nel 2015 che in queste settimane sembra aver aumentato esponenzialmente la sua presenza sul Web.

Faceliker non cerca di rubare informazioni dal computer infetto o di intercettare le comunicazioni verso servizi “sensibili” come quelli di home banking, ma si limita a dirottare i “mi piace” degli utenti sul social network di Mark Zuckerberg.

In pratica, le vittime del trojan credono di aver messo il loro like su un contenuto, ma in realtà questo viene registrato su un altro elemento scelto dal malware. In questo modo i cyber-criminali possono “pompare” artificialmente la popolarità di un articolo o una pagina Facebook, molto probabilmente in cambio di un corrispettivo economico da parte degli autori.

Utilizzando un trojan come Faceliker i cyber-criminali possono contare sul fatto che i “mi piace” risultino provenire da utenti regolari, rendendo molto più complicata l’individuazione dei like truffaldini.

Fonte: securityinfo.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *