Inventa una cintura per i non vedenti: “L’ho fatto per Debora”

Informatica Taranto

L’idea gli è venuta in seconda media, quando la mattina vedeva passare nei corridoi una sua compagna, Debora, che si aiutava con il bastone per camminare. Ha lavorato sodo per tre mesi pensando a lei, mettendo in pratica i segreti della programmazione che aveva imparato proprio a scuola . E’ così che Loris Esposito, 14 anni, ha dato vita a una cintura che aiuta i non vedenti a orientarsi nel movimento grazie a un sistema di sensori a ultrasuoni. Un’intuizione gli ha fatto vincere il primo premio del “Coolest project” ospitato dal Politecnico di Milano e che a maggio lo farà volare a Dublino per presentare il suo prototipo.

“In classe c’era un’insegnante di sostegno che ci ha fatto capire molte cose – racconta Loris – faceva sentire noi ragazzi come persone con una missione: aiutare chi è più sfortunato di noi. Una cosa che mi è rimasta dentro”. Loris oggi è iscritto al primo anno del liceo scientifico Vincenzo Capirola di Leno, nella bassa bresciana. Ma fino all’anno scorso frequentava le medie a Ghedi, dove vive, anche se le sue origini portano in Puglia, in provincia di Taranto. “Insieme ai compagni abbiamo deciso di creare un libro tattile per Debora”. Ma ecco un corso pomeridiano di coding a fare appassionare Loris alla programmazione. E un obiettivo più ambizioso: aiutare Debora a muoversi con più agilità, senza quel bastone così ingombrante per lei.

Accanto al ragazzo, che sogna un futuro da ingegnere aerospaziale, c’è il suo professore di tecnologia, Giuseppe Natale: è lui a seguirlo e a spingerlo a partecipare al concorso organizzato alla Bovisa (un format irlandese dedicato ai giovani programmatori) quando il prototipo della sua cintura prende forma. “Grazie a dei sensori rileva gli oggetti che ha intorno: produce un suono diverso se si trovano a destra, a sinistra oppure davanti alla persona che la indossa”. L’ha portato agli esami di terza media, quando ha parlato della mancanza della vista come argomento centrale ed è uscito con 10 e lode. E ora che è pronto per volare in Irlanda per presentare il suo lavoro, ha già in mente di migliorarlo: “Vorrei riuscire a rendere la cintura più piccola. E sto pensando a una vibrazione per chi è sordo e una cavigliera che rilevi i gradini”.

La prima a provare l’invenzione di Loris, quando la cintura non sarà più solo un prototipo, non potrà che essere Debora. “Il destino vuole che siano di nuovo entrambi nella stessa scuola – sorride Ermellina Ravelli, preside storica dell’istituto superiore Capirola – lei è al linguistico, lui allo scientifico. L’aiuto che Loris potrà dare fuori, ad altre persone non vedenti, in questa scuola di provincia lo condividiamo già. E la trovo una storia bellissima”.

Fonte: milano.repubblica.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

GDPR - Utilizziamo Google Analytics

Conferma, se accetti di essere monitorato da Google Analytics. Se non accetti il monitoraggio, puoi comunque continuare a visitare il nostro sito web senza che alcun dato venga inviato a Google Analytics. Leggi la nostra Privacy Policy

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.