Megaupload e Megavideo censurati

Informatica Taranto

Ciao a tutti,

Questa mattina è iniziata una vera e propria lotta telematica, infatti L’FBI ha chiuso Megaupload e Megavideo, con l’accusa di violazione del diritto d’autore. Il fondatore, Kim Schmitz, è stato arrestato con l’accusa di aver contribuito alla diffusione di film e video agli utenti, con un lucro di 500 milioni di dollari, e rischia 50 anni di carcere.

La rete si ribella a tutto ciò, infatti i pirati informatici di Anonymou, hanno iniziato una protesta intorno alle 23.30 (ora italiana), paralizzando in sequenza i seguenti siti: Dipartimento di Giustizia americano, U.S. Copyright Office, Motion Picture Association of America, Recording Industry Association of America, UniversalMusic e addirittura il sito dell’FBI tramite un massiccio attacco DoS.

Nello stesso momento è sotto attacco anche il sito di Equitalia, anche se l’attacco non sembra connesso con i precedenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *